Consigli su alimentazione e non solo

Dieta privativa
Premessa

La reazione avversa al cibo è una risposta clinicamente anomala dopo ingestione di un alimento o di un additivo. Normalmente i sintomi clinici possono essere cutanei o in casi più gravi gastrointestinali come vomito, diarrea, flatulenza, feci molli e abbondanti. I sintomi cutanei sono predominanti e normalmente iniziano con prurito diffuso o localizzato. Da questo primo sintomo il quadro clinico si complica con lesioni secondarie dovute all’autotraumatismo o per insorgenza di infiammazioni croniche e infezioni cutanee. Quindi partendo dal prurito si passa alla perdita di pelo, inscurimento della pelle, ispessimento della cute e eccessiva produzione di scaglie. Il prurito può essere diffuso o limitato in alcune zone, soprattutto il muso, le zampe, la coda i fianchi e l’addome. In alcuni casi invece si ha un prurito localizzato solo nei padiglioni auricolari con interessamento del condotto uditivo esterno e sviluppo di otiti croniche e ricorrente.

Dieta privativa

Per quanto riguarda le lesioni cutanee primarie, le più ricorrenti sono eritema a papule, pustole concomitanti a piodermite superficiale dovuta a infezione batterica. Soprattutto nei cani a pelo lungo, si può avere una dermatite acuta umida detta hot spots.

La diagnosi differenziale la fa il veterinario fa escludendo: atopia, ipersensibilità alla saliva di pulce, allergia da contatto, rogna sarcoptica, pediculosi, piodermite superficiale, seborrea idiopatica primaria, etc.

Ma cosa può provocare delle reazioni avverse al cibo? Le componenti del cibo che causano maggiormente allergia o intolleranza sono le proteine sia di origine animale che vegetale. Qualsiasi proteina è potenzialmente un allergene perchè comunque considerato estraneo dal sistema immunitario di chi lo ingerisce. La quantità di allergene in grado di indurre una risposta può anche essere molto piccola e di solito si sviluppa una reazione avversa a ciò che viene mangiato con regolarità. La reazione può avvenire entro pochi minuti , entro 24 ore ma anche entro 10-14 giorni.

La necessità dei cani di proteine e i reni

La necessità dei cani di proteine  è un aspetto della nutrizione spesso sconosciuto ma molto importante. “Tu sei quello che mangi” si dice e sicuramente in questo c’è una qualche verità. Ormai tutti ci chiediamo quale sia il cibo migliore per il nostro cane, ma quale lo sia davvero è un concetto ancora controverso. Soprattutto c’è molta confusione sulle proteine. A differenza dei felini, i cani non sono classificati come carnivori stretti e possono sopravvivere con una dieta che contenga prodotti sia di origine vegetale che animale, l’importante è che la dieta sia diversificata. Ma per vivere in salute devono sempre avere una fonte di proteine animali, cioè CARNE, nelle loro diete. C’è una enorme differenza tra sopravvivere e vivere in salute: la natura ci ha permesso di vivere in un determinato ambiente e con determinate risorse, e il metabolismo di tutti gli esseri viventi è stato plasmato da questo ambiente e da queste risorse. Non possiamo stravolgere questo concetto che dura da milioni e milioni di anni e dare, ad esempio una dieta vegetariana al gatto o al cane. Se davvero potessero fare bene, si sarebbero evoluti quantomeno dei canidi e dei felini vegetariani, in qualche parte del mondo.

Le feci

Le feci dei nostri animali…in inglese dog’s o cat’s poop (molto più carino eheeh)… sono tra i sintomi che teniamo più sotto controllo. Non a caso ho una collezione di foto che potrei aprire un museo!
Ma a parte le battute, in effetti studiare le feci dei nostri animali (ma anche le nostre eh) è un ottimo moto per monitorarne la salute. Le feci brutte in generale però non sono una patologia in se, ma ci indicano che qualcosa non va e non vanno dati rimedi per sistemarle fai da te: rivolgetevi sempre al vostro veterinario che dovrà cercare la causa per darvi la corretta terapia e al vostro nutrizionista che aggiusterà la dieta per collaborare con la terapia stessa e risolvere il problema alla radice.

Andiamo a vedere, con foto, come devono essere delle feci di un cane:
Ricordo che i cani che mangiano crocchette fanno feci più abbondanti in quanto esse contengono molte fibre e carboidrati.

In questo articolo vorrei far capire come si legge una tabella analitica e come si ricava l’effettivo contenuto di carboidrati nella crocchetta o nell’umido che state somministrando, e quindi, in parole povere, come si calcolano i carboidrati. Attenzione che la parola carboidrato non indica solo l’amido!
I carboidrati infatti sono anche gli zuccheri semplici (glucosio, fruttosio, galattosio) o i disaccaridi (lattosio, saccarosio, maltosio) o i polisaccaridi (amido, glicogeno, etc). Tra i polisaccaridi vi sono anche le fibre, che si differenziano dall’amido e dagli altri polisaccaridi perchè non possono essere digeriti dalla amilasi. Vengono però utilizzate dai batteri della flora batterica come cibo e substrato.
Il contenuto di carboidrati ci è utile per valutare se è un cibo adatto per il nostro gatto (carnivoro stretto) e per il nostro cane ad esempio in caso di patologie particolari, sovrappeso, etc

Le piante che vivono in casa con noi, nel giardino , nei boschi e nei prati possono essere sia dei validi alleati che pericolose sia per noi che per i nostri animali. Ecco un elenco di piante che dovreste evitare, tossiche sia per i vostri mici che per i vostri cani 🙂

Piante tossiche

acaro

Quando si ha un cane con dermatite atopica, spesso vengono consigliati cibi commerciali secchi che dovrebbero risolvere il problema (magari con diciture come sensitive o per problemi cutanei, etc).

Il problema fondamentale è che un UNICO cibo non può risolvere la dermatite del vostro cane, semplicemente perchè le cause delle dermatiti sono molteplici: intolleranze o allergie alimentari, carenze di vitamine e/o acidi grassi, allergie ambientali, problemi a reni e fegato, etc.

Quindi il primo passo è capire la causa e poi scegliere l’alimentazione più adatta.

verdura e frutta
Il mio cane può mangiare…? 2:Verdure e frutta

Le verdure sono un alimento che può aiutare il vostro cane a regolare la funzionalità intestinale e apportano sali minerali e vitamine. In piccole quantità, che dipendono anche dallo stato di salute dell’individuo, sono quindi un ottimo alimento quotidiano.

Le verdure che normalmente vengono tollerate meglio sono: carote, zucchine, zucca, insalata giovane, sedano, finocchio, cetriolo.

carne
Il mio cane può mangiare…? 1. Carne e frattaglie

Il cane può mangiare qualsiasi tipo di carne e frattaglia, poi dipende dalla sensibilità individuale(anche allergie o intolleranze) scegliere i cibi che vengono digeriti meglio.

Cibi da evitare e/o con tossicità provata

Nel presente elenco non sono presenti cibi o integratori o altro di cui non si conosce una effettiva tossicità per il cane o il gatto, ma solo, come da titolo, quei cibi da evitare assolutamente e/o con tossicità provata.

Alcool

AlcoolL’alcool, anche in piccole dosi, può portare diarrea, vomito, difficoltà di respiro, movimento scoordinato, tremori, e nei casi gravi di intossicazione coma e morte. Questo perchè cani e gatti hanno un fegato più delicato del nostro e che ha maggiore difficoltà a metabolizzare alcool e altri composti.

Perchè non è salutare dare il riso soffiato al cane?
Per vari motivi, principalmente due. Il primo motivo è la influenza di questo prodotto sul metabolismo del cane. Sono stati compiuti molti studi a tal proposito sull’uomo, in quanto è di moda sostituire pasti o altre fonti di carboidrati con le gallette di riso e/o mais soffiato pensando di alleggerire la dieta.
In realtà, come vedremo, si tolgono solo calorie..ma le calorie in una dieta sono solo una piccola parte da considerare. Secondo le recenti scuole di pensiero, le calorie sono da considerare solo all’interno di un processo dietetico in cui si modifica il modo di alimentarsi e si spinge il corpo a utilizzare al meglio i nutrienti, a prescindere le calorie.

Scroll to Top

INFORMATIVA BREVE-Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra sul tuo dispositivo. Per maggiori informazioni e per cambiare le tue scelte, visita la pagina di Privacy Policy e Cookie che contiene anche l'informativa estesa-Cliccando su Accetto verranno installati i cookie. Privacy Policy e Cookie

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi